betonaggio-modulari1

Gli impianti di betonaggio modulari compatti sono impianti potenti, ma comunque facili da montare e da rendere operativi.

Stoccaggio verticale degli inerti

La peculiarità degli impianti di betonaggio modulari compatti risiede nella dislocazione verticale dello stoccaggio degli inerti: questo fa sì che questo particolare tipo di impianto di betonaggio sia installabile anche in spazi relativamente molto ridotti.

L’assemblaggio dei moduli è elementare, letteralmente “plug & play”: è sufficiente connettere le spine industriali, perché i moduli vengono preassemblati in officina e di fatto forniti pronti.

Automazione

Nel caso degli impianti di betonaggio modulari il sistema di automazione è installato in una cabina di comando al livello del mescolatore, cabina che è arredata, isolata e climatizzata, rendendo così il monitoraggio e la supervisione dell’impianto un’operazione facile e confortevole.

L’impianto è fornito di un sistema di videosorveglianza grazie al quale è possibile supervisionare anche operazioni quali il riempimento delle autobetoniere o il carico degli inerti nello stoccaggio.

Gestione dell’igrometria

L’impianto è dotato anche di un sistema di gestione per il controllo dell’umidità degli inerti e della plasticità del calcestruzzo nel mescolatore: questo fa sì che si possa mantenere invariata la qualità del calcestruzzo anche nel caso di una produzione ripetitiva.

Impianto di betonaggio modulare compatto: caratteristiche tecniche

  • Stoccaggio inerti: 2-6 (capacità totale tra 70 e 600mc)
  • Caricamento inerti: con elevatore a tazze modulare, con tramoggia primaria carrabile da 16mc con nastro estrattore
  • Estrazione degli inerti: sia mediante bocchetta, sia mediante nastro (nel caso di materiali poco scorrevoli)
  • Moduli aggiuntivi: impianto di riscaldamento degli inerti (metano, gasolio o elettrico), stoccaggio per 6 additivi con relative pompe
  • Moduli aggiuntivi: impianto di stoccaggio e dosaggio per fibre in acciaio o sintetiche.